D’Angeli: “La sinistra deve riprendere parola e parlare un linguaggio di classe”
Turigliatto: “Sarà la prima legge di sinistra nel Parlamento di Berlusconi”

E’ cominciata oggi con banchetti in tutte le città la campagna di raccolta firme per una Legge di iniziativa popolare finalizzata all’introduzione del Salario minimo intercategoriale (Smic) a 1300 euro netti e del Salario sociale a 1000 euro per disoccupati e pensionati. L’iniziativa promossa da Sinistra Critica, ma che ha già visto il sostegno di Giorgio Cremaschi, della Fiom-Cgil, Paolo Leonardi, Rdb-Cub, e Fabrizio Tommaselli del Sdl oltre a un centinaio di Rsu e delegati sindacali, si è snodata in diverse città italiane e davanti ad alcuni importanti luoghi di lavoro.
Flavia D’Angeli, portavoce nazionale di Sinistra Critica, ha raccolto le firme davanti all’Atesia di Roma, il call center più grande d’Italia. Molto buona l’accoglienza dei lavoratori e delle lavoratrici. “La sinistra sembra essere muta e sepolta sotto la sconfitta – ha dichiarato – noi vogliamo che prenda parola e parli il linguaggio degli interessi di classe, unico modo anche per respingere la demagogia razzista delle destre. Oggi l’emergenza è quella salariale e la vera sicurezza è arrivare alla fine del mese; altro che impronte ai bambini Rom o emergenza immigrati”.
Alla Fiat di Mirafiori è stato presente invece Franco Turigliatto, ex senatore di Sinistra Critica che ha spiegato come questa iniziativa rappresenti “l’occasione per portare nel Parlamento di Berlusconi, dal quale la sinistra è stata estromessa, una legge che si faccia carico dei bisogni dei lavoratori”. Altri banchetti di oggi si sono tenuti alla Fincantieri di Marghera, alla Piaggio di Pontedera, all’Inps di Milano, dove era presente Gigi Malabarba, estensore della proposta di legge e già senatore di Sinistra Critica. L’iniziativa continuerà per tutta l’estate e si svilupperà anche durante l’autunno.
Prendi contatto con le sedi di Sinistra Critica, aiutaci a organizzare la campagna

Insieme alla Legge popolare raccoglieremo le firme anche su una PETIZIONE MIGRANTI
‘il mio nemico è il padrone, non chi lavora con me’

di Sc Mantova