Apprendiamo dalla gazzetta di domenica 22 febbraio che è arrivato a
Mantova il movimento di estrema destra denominato Casapound. Si dichiarano
“fascisti del terzo millennio” ma spesso hanno idee e pratiche ben
ancorate a quello precendente: tra queste c’è l’ignorare e travisare
i fatti a propio uso e consumo in perfetto stile “bollettino di guerra”.
Leggiamo infatti, a proposito degli scontri avvenuti a Roma in Piazza
Navona il 29/10/08, della presunta responsabilità di Flavia D’Angeli,
portavoce di Sinistra Critica, per l’assembramento degli universitari e del
tentativo della sinistra parlamentare, il Pd, di egemonizzare il Movimento
studentesco.
Il pd ha tentato inutilmente a più riprese di cavalcare l’onda
diventando, suo malgrado, bersaglio della protesta insieme al governo
Berlusconi: il movimento ha infatti preso atto del fatto che lo stato
comatoso in cui versa l’istruzione pubblica, è figlio delle riforme
liberiste degli ultimi vent’anni varate da centrodestra e centrosinistra e
non ha voluto essere strumentalizzato.
Flavia D’angeli, insegnante precaria, è stata attiva nella protesta così
come molti studenti e lavoratori della scuola legati a Sinistra Critica.
Imputare alla giovane insegnante le responsabilità degli scontri avvenuti
all’arrivo del corteo degli universitari in piazza è fantascienza.
Così come fantastico è il video-dossier che viene presentato a
testimonianza delle tesi dei neofascisti. Un documentario che, oltre a
diversi passaggi audio/video maldestramente “aggiustati”, mostra una lacuna
fondamentale: a differenza dell’enorme mole di documenti foto/video
facilmente reperibili e passati anche sulle tv nazionali, non mostra le
cariche a suon di cinghiate che il gruppo di blocco studentesco ha
effettuato ai danni di studenti e degli insegnanti dei Cobas, già presenti
in piazza, per aprirsi un varco e avanzare col proprio furgoncino (quello
da cui poi spuntano “magicamente” le mazze tricolori). Questa “causa” è
l’unica responsabile di quello che è avvenuto dopo: nel corteo degli
studenti universitari che stava arrivando è infatti montata la rabbia per
l’ennesima aggressione squadrista che ha prodotto”l’effetto” che
conosciamo.
In sostanza comunque un video-dossier inutile, visto che già un quarto
d’ora dopo l’accaduto esponenti del governo erano in tv ad avvalorare le
loro tesi.
Stendiamo un velo pietoso sulle scene a dir poco ‘imbarazzanti’
(anch’esse tagliate dal loro video-dossier) che hanno smascherato una palese connivenza tra
elementi della questura romana e il blocco squadrista.
Non bastano pochi striscioni e qualche cinghiata per cavalcare un
movimento autorganizzato che in tutta Italia ha respinto questi tentativi
di infiltrazione così come quelli dei partiti.
L’accusa di strumentalizzazione politica del movimento arriva,
risibilmente, proprio da una forza politica marginale che non ha avuto peso
a livello di elaborazione nè di mobilitazione; nemmeno celando il
repertorio di simboli e gesti che contraddistingue la cosiddetta area
dell’estrema destra.
A livello di cronaca riportiamo che pochi giorni fa, sempre a Roma, due
studenti neofascisti aderenti a blocco studentesco e già sotto inchiesta
per i fatti di piazza Navona sono stati denunciati dopo aver effettuato un
pestaggio ai danni di un liceale del movimento studentesco reo di aver dato
testimonianza dei fatti di quella giornata a La7.
http://isole.ecn.org/antifa/article/2510/roma-denunciat…tesco
Fatti che si commentano da soli.
Nel piccolo, l’arrivo del fanclub locale della centrale romana di Casapound
si segnala invece come l’ennesimo tentativo di alcuni personaggi
appartenenti all’estrema destra, alcuni già passati per Forza Nuova e
Fiamma Tricolore e poi spariti, di riproporsi sulla scena politica locale;
magari con l’iniezione di parole d’ordine più sociali su tematiche
storicamente legate alla sinistra, sicuramente spendibili dal punto di
vista del marketing politico.
Gratta, gratta sotto c’è sempre la vecchia camicia nera.

Sinistra Critica – Mantova

P.s: postiamo anche un video realizzato collettivamente dai compagni
della rete antifascista romana che fa piazza pulita delle mezze verità di fascisti e governo.

http://www.youtube.com/watch?v=TnFgrJ3niL4

di Sinistra critica Mantova