La violenza contro le donne è di tutti i giorni, si manifesta in tutti gli aspetti della nostra vita: maltrattamenti e violenze familiari, attacchi alle leggi che ci tutelano (legge 194, procreazione assistita), mercificazione del nostro corpo (pubblicità, modelli culturali) e da sempre siamo discriminate a livello lavorativo. A parità di lavoro e responsabilità siamo pagate meno e sfruttate di più.

featured image

Image Caption Goes Here


La violenza contro le donne è di tutti i giorni, si manifesta in tutti gli aspetti della nostra vita: maltrattamenti e violenze familiari, attacchi alle leggi che ci tutelano (legge 194, procreazione assistita), mercificazione del nostro corpo (pubblicità, modelli culturali) e da sempre siamo discriminate a livello lavorativo. A parità di lavoro e responsabilità siamo pagate meno e sfruttate di più.

L’impegno del governo Berlusconi per ridurre ulteriormente i diritti del lavoro salariato sembra puntare alle donne con particolare sadismo. La detassazione degli straordinari è stata finanziata con i tagli ai progetti e ai centri contro la violenza. E’ stata cancellata la legge contro le dimissioni in bianco. Si preparano l’abolizione del diritto alla pensione di vecchiaia a 60 anni, la riduzione del tempo dei congedi di maternità, un peggioramento delle condizioni del lavoro notturno.
DIVENTIAMO SOGGETTO VISIBILE!
Di fronte a questo rivendichiamo una decisa estraneità alle logiche di controllo sui nostri corpi e sulle nostre vite, prendiamo con forza posizione contro chi promuove e mette in atto questi meccanismi, la cui cultura rappresenta una visione del mondo che non ci appartiene!
LA VIOLENZA E’ ANCHE:

– NON AVERE ACCESSO AL LAVORO

– NON AVERE UN REDDITO

– NON AVERE UN PERMESSO DI SOGGIORNO

– LA SCHIAVITU’ IN CUI MOLTE DONNE VIVONO

Collettivo femminista “Colpo di streghe”

di Collettivo femminista "Colpo di streghe"