Mentre televisioni e giornali ci parlano di crocifissi appesi ai muri delle nostre aule, ci ritroviamo in classi sovraffollate, spesso fatiscenti.
Così, dall’alto della sua poltrona, il ministro ci invita al silenzio, continuando ad emanare decreti contrari al diritto allo studio, specie nei confronti dei migranti.

Contro il decreto gelmini e la legge finanzaria che stanno distruggendo la scuola pubblica tagliando migliaia di posti di lavoro, tagliando milioni di euro dai fondi destinati all’istruzione e facendo pagare la crisi a studenti e lavoratori!

Contro le riforme di tecnici, licei e professionali che, dividendo gli studenti in serie A e B, sono uno un attacco diretto al diritto allo studio e alle vittorie ottenute con il ‘68.

Contro la finta meritocrazia promossa dalla Gelmini, che impedisce agli studenti con insufficienze di sostenere la maturità, mentre si taglia su corsi di recupero scolastici, supplenze efficienti e servizi per il dirititto allo studio
Per difendere il diritto allo studio!
Per far pagare questa crisi a chi l’ha creata!
Per una scuola pubblica, laica e gratuita!

Manifestazione Studentesca

Martedì 24 novembre ore 8.30

Viale Risorgimento (stazione apam) – Mantova

P1010860