immigrati_gru_bresciaSABATO 20 NOVEMBRE

MANIFESTAZIONE DEI MIGRANTI

CONTINUIAMO LA LOTTA DELLA GRU

MANTOVA ORE 15 P.ZZA STAZIONE TRENI

Dopo 15 giorni sospesi a 35 metri d’altezza, 6 migranti che avevano occupato la gru del cantiere di via San Faustino a Brescia sono scesi, sfiniti per fame e freddo. La chiusura totale del ministero dell’Interno a qualsiasi spazio di trattativa per ridiscutere la vergognosa sanatoria-truffa che impedisce ai lavoratori ridotti in schiavitù di emergere dal lavoro nero, ha spinto gli occupanti a sospendere questa forma di lotta.

Un’occupazione frutto di un lungo percorso cominciato a fine settembre con un presidio ininterrotto 24 ore al giorno davanti alla prefettura di Brescia durato 25 giorni e sgomberato per due volte dalle ruspe, supportato da tre manifestazioni nel centro di Brescia e, infine, radicalizzatosi nell’occupazione della gru.

La repressione della lotta dei lavoratori migranti comandata direttamente dal ministero dell’interno Maroni, si è accanita su manifestanti pacifici con numerose cariche di polizia e carabinieri, che hanno portato a oltre 70 tra fermi e arresti; misure che abbiamo visto soltanto nelle giornate del g8 di Genova nel 2001.

Tra gli arrestati ci sono anche i principali attivisti del movimento dei migranti. Sono quasi 20 i migranti rinchiusi nei CIE che sono già stati espulsi.

Siamo in un paese dove chi lotta viene arrestato, picchiato ed espulso.
Siamo in un paese dove i governi hanno scientificamente costruito una schiavitù legalizzata e un razzismo istituzionale.
Siamo in un paese dove un lavoratore nato in un altro paese deve pagare migliaia di euro per avere la speranza di poter ottenere il diritto a una vita dignitosa

Per questo da Brescia nasce un accorato appello da parte del presidio permanente: Generalizzate la nostra lotta, lottiamo insieme a livello nazionale.
Sabato 20 novembre è stata indetta una giornata di mobilitazione nazionale, per continuare la lotta dei migranti di brescia, degli occupanti della gru, dei migranti espulsi e rimpatriati per aver lottato per i diritti di tutti.

– CONTRO LA VIOLENZA E LA REPRESSIONE DELLA POLIZIA

– CONTRO LA SANATORIA TRUFFA DEL 2009, IL RITIRO IMMEDIATO DELLA CIRCOLARE MANGANELLI E PER LA REGOLARIZZAZIONE PERMANENTE DI TUTTE E TUTTI

– PER L’INCOLUMITÀ E L’IMPUNITÀ DEI MIGRANTI CHE SONO SALITI SULLA GRU E PER LA LIBERAZIONE IMMEDIATA DI QUELLI RINCHIUSI NEI CIE, ARRESTATI DURANTE LE GIORNATE DI BRESCIA.

– CONTRO I VERGOGNOSI ARRESTI ED ESPULSIONI DEI MIGRANTI IN LOTTA PERCHE’ POSSANO TORNARE DA CITTADINI LIBERI IN QUESTO PAESE

– ROMPERE IL LEGAME TRA CONTRATTO DI LAVORO E PERMESSO DI SOGGIORNO PER ELIMINARE LA CLANDESTINITA’

Coordinamento migranti Basso Mantovano

Comitato 1 Marzo Mantova

——

— Coordinamento migranti Basso Mantovano

— Comitato 1 Marzo Mantova

——
Prime adesioni:

Gruppi/associazioni

Collettivo studentesco ‘Aca Toro
Coordinamento Scuola Mantova
Arci provinciale – Mantova
Spazio Sociale La Boje

movimenti politici

Sinistra Critica
Associazione per la Sinistra

—–

PER ADERIRE COME GRUPPI E/O SINGOLI MANDARE UNA MAIL A:
20novmantova@gmail.com