E’ l’ennesimo sgambetto dei «moderati» al programma del governo Prodi.
L’Italia dei valori [Di Pietro] insieme all’Udeur e ovviamente alla Casa delle libertà hanno votato contro la proposta di legge che istituisce una commissione di inchiesta sul G8 di Genova del 2001. Con un voto di parità, 22 voti contrari e 22 voti favorevoli, la proposta della Commissione sul G8 finirà in aula come parere negativo. La Commissione è «Una chiara manifestazione di sfiducia nei confronti delle forze dell’ordine e un tentativo per condizionare il lavoro della magistratura», aveva commentato prima del voto Maurizio Ronconi, deputato dell’Udc.
«E’ un fatto di grande gravità che impedisce di attuare il programma proposto agli elettori», ha invece spiegato Graziella Mascia di Rifondazione. Il testo bocciato era stato messo a punto da Gianclaudio Bressa, della Margherita, e stabiliva che la commissione di inchiesta sul G8 di Genova sarebbe stata composta da trenta deputati, nominati dal presidente della Camera in proporzione al numero dei componenti dei gruppi parlamentari. Il voto apre l’ennesimo contrasto all’interno della maggioranza, che aveva inserito la commissione sul G8 tra i punti del Programma.

di mastellafacciadaculo