Licenziate in tronco per essere sostituite da lavoratrici cinesi poichè “non si ammalano e sono più produttive”.
E’ scattata questa mattina la protesta ad oltranza delle 19 operaie della ditta M.S. di Borgoforte che venerdì scorso, all’indomani della festa dei lavoratori, si sono trovate improvvisamente senza lavoro.
Invitate a firmare la lettera di licenziamento perché “la produzione non raggiunge gli obiettivi”. Al loro posto, già operativa, una squadra di lavoratrici cinesi, reclutate nel milanese. Per molte lavoratrici è il dramma: come Fatima, 41 anni, che rischia di perdere la custodia dei figli, due bimbi di 11 e 7 anni, che potrebbero essere affidati ad una comunità.

maggiori informazioni al più presto.

di em@