Nicola Tommasoli, un ragazzo di 29 anni è morto dopo essere stato pestato in maniera selvaggia da un gruppo di cinque criminali in pieno centro a Verona.
Nicola Tommasoli, un ragazzo di 29 anni è morto dopo essere stato pestato in maniera selvaggia da un gruppo di cinque criminali in pieno centro a Verona.
Era stato ricoverato mercoledì scorso nell’Ospedale di Borgo Trento.
Gli aggressori sono accusati di omicidio preterintenzionale, che potrebbe trasformarsi in omicidio volontario dopo l’autopsia.
Un fatto inaccettabile, che come chiede la famiglia di Nicola non deve essere strumentalizzato.
La realtà è che Verona è diventata una città in cui bande di soggetti pericolosi socialmente possono agire mettendo a rischio la sicurezza dei cittadini.
La realtà è che il sindaco sceriffo Tosi e i partiti di estrema destra utilizzano questi personaggi e queste idelogie securitarie e forniscono l’alibi e la giustificazione a questi gesti.
La realtà è che un ragazzo ha perso la vita.

Centinaia di persone hanno partecipato al presidio per Nicola lanciato lunedì 5 maggio sul luogo dell’aggressione.

di antifa