date-incontri-bigi migranti in Italia: paure, pregiudizi, opere e omissioni.
Una serie di incontri per ragionare su questo tema insieme a esperti e giornalisti,
presso l’estivo del Circolo Arci Tom: chiacchierate a cielo aperto, e a mente sgombra.
A tutte le presentazione seguirà, per chi vuole, un momento mangereccio
senza confini curato da associazioni mantovane di emigrati.

Organizzano:
Librogusteria “Il Pensatoio”
Arci Tom – Mantova

Giovedì 17 giugno, ore 20

Pane arabo e parole
con Antonio Ferrara
L’ accoglienza narrata ad altezza di Bambino. Con la
sua famiglia Nadir è venuto dal suo Paese per lasciarsi
dietro le spalle la povertà, per sopravvivere. Ma ci si
nutre sia di pane che di parole, si sa, e a volte le parole
giuste saziano più del pane. Antonio Ferrara da molti
anni si occupa di narrativa per l’infanzia e da quando
è uscito “Pane arabo a merenda” nel 2005 si occupa
anche di andare in giro per scuole e biblioteche a
spiegare ai bambini l’accoglienza, e a spiegare ai
genitori e agli operatori come spiegarla.

Giovedì  8 luglio, ore 20

Rifugiati

con Christopher Hein, fondatore
del Consiglio italiano per i rifugiati (Cir)
La condizione dei rifugiati e dei richiedenti asilo nel
nostro paese è al centro del dibattito pubblico:
quando si parla di respingimenti, per esempio, ci
chiediamo quali sono le motivazioni che ogni anno
spingono migliaia ad affrontare un viaggio in cui
mettono a repentaglio la loro stessa vita? E una volta
arrivati in qualche modo nel nostro paese, cosa li
aspetta in termini di diritti, opportunità e tutele? Ne
parleremo con Christopher Hein, fondatore del CIR e
curatore del libro “Rifugiati”, recentemente uscito per
Donzelli.

Mercoledì 30 giugno, ore 20

Io sono un italiano.
Un italiano nero

con Domenico Guarino
Braccianti agricoli della piana del Sele, scrittori padani,
dj, richiedenti asilo, muratori rumeni, badanti, politici,
facchini. Lavavetri. Dal Nord al Sud al Centro, storie e
voci dall’universo caleidoscopico che sotterriamo sotto
la sigla sempre più inquietante di «extracomunitari».
Partendo dal libro “Io sono un italiano. Un italiano
nero” di Domenico Guarino, pubblicato da Cult editore,
incursioni nel punto di vista meno raccontanto dai
media contemporanei: quello del migrante.

Martedì 13 luglio
, ore 20
il Mare di Mezzo
con Gabriele Del Grande
Una coraggiosa esplorazione sulle due sponde del Mare
Mediterraneo lungo le rotte dei viaggiatori di ieri e di
oggi, di donne, uomini e non di rado bambini che
cercano un futuro e trovano una barriera di acciaio e
pregiudizio, alla mercè di mercanti di esseri umani,
feroci carcerieri e crudeli accordi internazionali, come
quello tra Italia e Libia.
Sarà presente Gabriele Del Grande, recentemente
tornato in libreria con “il Mare di Mezzo” edizioni
Infinito, e fondatore del blog “Fortress Europe”, una
testata d’inchiesta e di denuncia che da quattro anni
racconta ciò che succede sui nostri confini, e oltre.