Presentazione del libro “La Buona Educazione degli Oppressi: piccola storia del decoro” con Wolf Bukowski

Uno strumento fondamentale per leggere i dispositivi repressivi che stanno riempiendo strade e regolamenti delle nostre città.
____

“È in corso da anni una guerra, combattuta tra le strade delle città, contro poveri, migranti, movimenti di protesta e marginalità sociali. Le sue armi sono decoro e sicurezza, categorie diventate centrali nella politica ma fatte della sostanza di cui son fatti i miti: Furio Jesi chiamava idee senza parole gli artifici retorici di questo tipo, con cui la cultura di destra vagheggia fantomatici «bei tempi andati» di una società armoniosa. Lo scopo è cancellare ogni riferimento di classe per delimitare un dentro e un fuori, in cui il conflitto non è tra sfruttati e sfruttatori ma tra noi e loro, gli esclusi, che nel neoliberismo competitivo da vittime diventano colpevoli: povero è chi non si è meritato la ricchezza. Il mendicante che chiede l’elemosina, il lavavetri ai semafori, il venditore ambulante, il rovistatore di cassonetti, dipinti come minacce al quieto vivere.”

http://ilmegafonoquotidiano.it/libri/la-buona-educazione-degli-oppressi

https://www.facebook.com/events/1859978877437025/