– BOLIVIA, 22/12/2003 – 09:30

Aiuti militari USA in cambio di impunita’

Gli Stati Uniti taglieranno gli aiuti militari alla Bolivia (due milioni di dollari) se questa non firmera’ un accordo per non condurre davanti alla Corte Penale Internazionale (CPI), i cittadini statunitensi accusati di crimini di guerra. Cosi’ ha dichiarato il generale James Hill, a capo del Comando Sud degli Stati Uniti. Il Parlamento boliviano ha tempo fino al 31 dicembre per ratificare l’accordo.

– CINA, 22/12/2003 – 13:07

Anche la proprieta’ privata nella costituzione cinese

La proprieta’ privata entrera’ a far parte della costituzione cinese. L’emendamento alla costituzione del 1982, sottoposto al comitato permanente dell’Assemblea nazionale popolare, prevede che la proprieta’ privata venga posta su un piano di uguaglianza con la quella pubblica, che e’ inviolabile. La decisione era stata presa dal partito comunista nell’ottobre scorso, ma non era stata ancora annunciata ufficialmente. I 3mila deputati cinesi dovranno adottare formalmente queste modifiche costituzionali a partire da marzo 2004.

– CUBA, 22/12/2003 – 09:12

Fidel Castro in Venezuela

Fidel Castro e’ atteso oggi, 22 dicembre, a Caracas, in Venezuela. L’incontro con il presidente venezuelano, Hugo Chavez, che durera’ solo poche ore, ha carattere informale ed e’ stato annunciato dallo stesso Chavez durante la sua trasmissione radio “Alo, presidiente”. Chavez ha fatto sapere che si incontrera’ con Castro per discutere di programmi sociali e accordi petroliferi. I due Paesi, infatti, sono legati da un programma di cooperazione che riguarda diversi settori. Medici cubani assistono una parte della popolazione venezuelana piu’ svantaggiata; altri specialisti dell’isola collaborano ad un piano di alfabetizzazione messo in atto dal governo di Caracas; in cambio il Venezuela vende 53mila barili di petrolio al giorno a Cuba, a prezzi vantaggiosi.

– ARGENTINA, 22/12/2003 – 10:15

Manifestazioni in ricordo del dicembre 2001

Piu’ di 50mila argentini sono scesi un piazza, sabato scorso, a Buenos Aires, per commemorare gli scontri del 19 e 20 dicembre 2001 e la caduta del governo di De La Rua. Due anni fa, questi scontri mostrarono al mondo la drammatica crisi del paese. Caduto De La Rua, si alternarono al potere 3 presidenti nell’arco di 15 giorni. Poi, la designazione di Eduardo Duhalde, che ha mantenuto la presidenza fino alle elezioni di Nestor Kirchner lo scorso maggio. Il dicembre del 2001 ha segnato l’inizio di grandi cambi per l’Argentina (dall’abbandono della parità peso-dollaro, alle recenti riforme della giustizia di Kirchner). Ha inoltre ‘aperto il sipario’ sulla gravissima situazione economica del paese, che oggi ha 22 milioni di poveri su 36 milioni di abitanti, e un tasso di disoccupazione del 14,3 per cento.

– PAKISTAN, 22/12/2003 – 08:40

Il ‘si’ della Corte Suprema al matrimonio libero

Finalmente anche le donne adulte musulmane del Pakistan potranno sposarsi liberamente. A stabilirlo e’ una sentenza della Corte Suprema del Paese. Gia’ nel 1991 la Corte federale della Sharia aveva stabilito che una donna ha il diritto di sposarsi secondo la sua volonta’. Sei anni dopo, pero’, l’Alto Tribunale del Lahore aveva sentenziato che i matrimoni celebrati senza il consenso del padre o del parente responsabile della sposa (figura conosciuta dalla legge islamica come ‘wali’) erano da considerarsi nulli. Da quel momento piu’ di 250 donne sono state incarcerate per aver violato la legge ed essersi sposate senza il permesso dei famigliari. Ma ora, con la decisione della Corte Suprema “superata la puberta’, la donna islamica puo’ stabilire con chi sposarsi secondo la sua volonta’ e la patria potesta’ puo’ essere negata al padre dopo le nozze”.

– NEPAL, 19/12/2003 – 12:23

Basta con l’uso eccessivo della forza contro i maoisti

L’esercito nepalese ha ammesso che in passato e’ stato fatto un uso eccessivo della forza contro i ribelli maoisti, ma che d’ora in poi i colpevoli di tali abusi verranno puniti e le loro vittime ricompensate. Questa dichiarazione e’ stata fatta durante un incontro del vice-ministro degli Esteri americano, Christina Rocca, con gli ufficiali nepalesi, lo scorso 16 dicembre. Durante il colloquio, Rocca ha esposto la sua preoccupazione riguardo ai sospetti di violazione dei diritti umani da parte dell’esercito del Nepal. Infatti, un recente rapporto di Amnesty International ha reso noto che centinaia di persone sono state detenute illegalmente, con rischio di maltrattatamenti e torture. Dal 1996 -anno in cui i maoisti hanno cominciato la loro ribellione per destituire la monarchia nepalese- sono state uccise piu’ di 8mila persone. La violenza e’ aumentata soprattutto da agosto 2003, quando le trattative di pace tra il governo e i ribelli sono fallite dopo sei mesi di cessate il fuoco.

– USA

Seattle: Polizia razzista?

Secondo un rapporto di Katherine Beckett, insegnante di sociologia all’universita’ di Seattle, esiterebbero dati che dimostrano come gli arresti per droga, da parte della polizia cittadina, siano orientati in modo razzista. Il commercio ed il consumo di stupefacenti, riguarda infatti per la maggior parte la componente bianca della comunita’, mentre la stragrande maggioranza degli arrestati e’ nera.

I dati trovati dalla Beckett tra il gennaio del 1999 e l’aprile del 2001, dicono che il 63% delle persone arrestate per spaccio di eroina, cocaina, ecstasy o metanfetamine e’ di colore, mentre il 19% e’ bianco ed il 14% e’ di origine ispanica, asiatica o dei nativi americani.

La Beckett ha quindi cercato di stabilire in che misura gli spacciatori potessero appartenere a quella o all’altra etnia: dai dati a disposizione del centro per lo scambio di siringhe di Seattle (chiedendolo a chi vi si rivolgeva), ha stabilito che di solito i consumatori vanno a comperare stupefacenti da persone appartenenti alla loro stessa etnia, concludendo cosi’ che la maggior parte degli spacciatori sarebbe bianco, per il 50% e solo il 14%, nero.

Facendo qualche statistica, e’ poi stato calcolato che uno spacciatore nero di eroina ha una probabilita’ 22 volte superiore a quello bianco di essere arrestato. Il dato sale a 31 volte verso le metanfetamine.


Bolivia: Aiuti militari USA in cambio di impunita’. Cina: Anche la proprieta’ privata nella costituzione cinese.

Cuba: Fidel Castro in Venezuela.

Argentina: Manifestazioni in ricordo del dicembre 2001.

Pakistan: Il ‘si’ della Corte Suprema al matrimonio libero.

Nepal: Basta con l’uso eccessivo della forza contro i maoisti.

Usa: Seattle, Polizia razzista?