di ROHAN PEARCE *

http://www.nrdc.org/nuclear/default.aspSecondo la Federazione degli Scienziati Americani, il tentativo di Israele di accumulare un arsenale nucleare ebbe inizio nel 1948 con l’istituzione di un corpo scientifico (Hemed Gimmel) all’interno dell’esercito israeliano. Nel 1949 l’Hemed Gimmel ispezionò il deserto del Negev alla ricerca di riserve di uranio. Nel 1952 fu creata la Commissione israeliana per l’energia atomica. Nel 1956 la Francia accettò di fornire a Israele un reattore nucleare da 18 megawatt. Dopo l’invasione dell’Egitto da parte di Israele nel 1956, l’accordo fu rivisto per fornire un reattore da 24 megawatt. La Francia acquistò acqua pesante per il reattore dalla Norvegia, tradendo le assicurazioni fornite al governo norvegese che non avrebbe trasferito l’acqua a paesi terzi. I funzionari doganali francesi furono ingannati sulla destinazione di componenti del reattore.

Il complesso che doveva ospitare il reattore fu costruito a Dimona, nella regione settentrionale del deserto del Negev. Per proteggere il programma sulle armi nucleari di Israele e mantenere il segreto su di esso fu creata un’organizzazione apposita, l’Ufficio per le Relazioni Scientifiche. Fra gli stratagemmi adottati da Israele per nascondere la natura del progetto Dimona, vi era quello di descriverlo come un «impianto di manganese».

Nel 1960 i governi israeliano e francese ebbero un contrasto per via del progetto. La Francia chiedeva che Israele rendesse pubblico il progetto Dimona e autorizzasse ispezioni internazionali della struttura. Nonostante questo, la Francia accettò di terminare la spedizione dei componenti del reattore, e Israele assicurò Parigi che non avrebbe costruito armi nucleari. Nel 1964 il reattore divenne operativo.

Del progetto nucleare di Israele erano a conoscenza anche gli Stati uniti, cioè la sua principale fonte di aiuti militari. Secondo Sir Timothy Garden, docente presso l’Università dell’Indiana, nel 1954 Israele firmò un accordo di cooperazione nucleare con gli Usa. Nel 1958 aerei spia Usa fotografarono il complesso di Dimona. Israele acquistò dagli Usa un reattore più piccolo (che difficilmente sarebbe stato utile nella produzione di armi nucleari). Tale reattore divenne operativo nel 1960.

Il ruolo degli Stati uniti

Verso la fine degli anni `60 le ispezioni della Commissione Usa per l’energia atomica negli impianti di Dimona furono ostacolate dall’atteggiamento di non-cooperazione del governo israeliano. Oltre a controllare la tempistica delle ispezioni e la loro estensione, Israele fabbricò falsi pannelli di controllo e murò corridoi per ingannare gli ispettori.

Significativamente, un promemoria del governo Usa dell’ottobre 1969, che riferiva di discussioni tra funzionari del Dipartimento di Stato e un rappresentante della Commissione per l’energia atomica, faceva intendere che il possesso da parte di Israele di impianti per la fabbricazione di armi nucleari non costituiva un problema per il governo Usa. Secondo il promemoria, «il team [della Commissione per l’energia atomica] è giunto alla conclusione che il governo Usa non è intenzionato a sostenere un vero sforzo di `ispezione’, in cui gli ispettori del team possano sentirsi autorizzati a porre direttamente domande pertinenti e/o a insistere che venga loro consentito di visionare documentazioni, materiali e simili. Agli ispettori è stato raccomandato di non causare controversie, comportarsi da `gentiluomini’ e non manifestare disaccordo con la volontà degli ospiti. In un’occasione sembra che i membri del team siano stati criticati duramente dagli israeliani per essersi `comportati come ispettori’».

Alla fine del 1964 l’impianto di Dimona produceva circa 8 chilogrammi di plutonio all’anno, abbastanza da consentire a Israele di costruire da una a due armi nucleari una volta che il plutonio fosse stato ulteriormente trattato. In Can Deterrente Last? (Buchan & Enright, Londra, 1984) Garden ha scritto che «avendo messo in piedi un sistema stabile di produzione di plutonio fissile, si rendeva necessario un impianto di trattamento che rendesse rapidamente il plutonio utilizzabile per le armi. […] Israele non ne costruì alcuno. La ragione di questa omissione sembra risiedere nel fatto che Israele riuscì ad acquisire illegalmente uno stock significativo di uranio arricchito. Rapporti della Cia hanno rivelato che Israele ottenne grandi quantità di uranio arricchito con mezzi clandestini’. A questo proposito il New York Times ricordava ai lettori la perdita di uranio altamente arricchito dalla Nuclear Materials and Equipment Corporation ad Apollo, Pennsylvania, nel 1965… Se Israele nel 1965 riuscì a ottenere materiale per armi nucleari, questo spiegherebbe perché non sia stato costruito alcun impianto per la lavorazione del plutonio. Essendosi assicurata una scorta di uranio poteva usare il metodo più lento, ma non controverso politicamente, della separazione del plutonio mediante `laboratorio a caldo’, così da accrescere gradualmente la sua scorta».

Alleati dell’apartheid

Dal 1967 fino agli anni `80 Israele ha potuto contare sul Sudafrica dell’apartheid per la fornitura di circa 550 tonnellate di uranio per l’impianto di Dimona. Si dice che nel settembre 1979 i due paesi abbiano tenuto un test congiunto sulle armi nucleari nell’Oceano Indiano. Un articolo apparso su Ha’aretz il 20 aprile 1997 sosteneva che all’inizio degli anni Ottoanta Israele avrebbe aiutato il governo del Sudafrica a sviluppare armi nucleari. Constand Viljoen, ex capo di stato maggiore dell’esercito sudafricano, ha detto a Ha’aretz: «Volevamo acquisire conoscenze sul nucleare da chiunque potessimo, anche da Israele».

La conferma pubblica della produzione di armi nucleari da parte di Israele giunse nel 1986, quando Mordechai Vanunu fornì al britannico Sunday Times fotografie di impianti nucleari israeliani. Vanunu era stato un tecnico presso la struttura di Dimona “Machon 2” dal 1976 al 1985, prima di essere allontanato per il suo coinvolgimento in una politica di sinistra, a favore dei palestinesi. “Machon 2” produce plutonio e componenti per bombe nucleari.

Secondo le rivelazioni di Mordechai Vanunu, nel 1986 Israele possedeva già 200 armi nucleari. Prima che il Times pubblicasse la notizia, Vanunu fu attirato a Roma da un agente del Mossad, la polizia segreta di Israele. A Roma egli fu rapito e riportato in Israele, dove fu condannato con un processo segreto e imprigionato. Le trascrizioni del processo di Vanunu sono rimaste classificate finché alcune sezioni non sono state rese pubbliche dal governo israeliano nel novembre 1999, dopo che il giornale israeliano Yediot Ahronot si era rivolto alla Corte distrettuale di Gerusalemme.

Vanunu è stato condannato a 18 anni di carcere. Ha trascorso i primi 11 anni e mezzo in isolamento. Secondo il fratello di Vanunu, Asher, la prigione di Ashkelon dove Mordechai è detenuto non lo rilascerà fino al 22 aprile 2004, solamente cinque mesi prima del suo fine-pena.

Dopo aver scontato i due terzi della pena, Vanunu ha chiesto la libertà vigilata. La sua richiesta è stata rigettata una prima volta, e poi di nuovo ogni sei mesi. La corte distrettuale di Be’er Sheva doveva esaminare la richiesta di Vanunu alla fine dello scorso ottobre. Secondo Ha’aretz del 9 ottobre, «[Vanunu] intende sostenere che nel 2001 [il ministro degli esteri israeliano Shimon] Peres in un documentario della rete israeliana Channel Two ha rivelato sulla capacità nucleare di Israele molto più di quanto Vanunu non abbia mai rivelato [al Sunday Times]».

Il «dibattito» alla Knesset

La controversia su Vanunu e l’arsenale segreto di armi nucleari di Israele ha portato, all’inizio del 2000, al primo dibattito mai avvenuto alla Knesset sulla politica nucleare.

Il 3 febbraio 2000 Yediot Ahronot ha descritto così il dibattito che riportiamo letteralmente per la sua importanza storica: «L’On. Issam Makhoul (Hadash) ha fatto la storia quando ha dichiarato: `Israele possiede 200-300 bombe atomiche’. Il ministro Ramon, che rispondeva per il governo, ha ripetuto l’affermazione. `Israele non sarà il primo paese a introdurre armi nucleari in Medio Oriente’. `Non è il messaggero Vanunu ad essere il problema, ma piuttosto la politica di tutti i governi israeliani, che hanno trasformato questa piccola porzione di terra in una discarica nucleare avvelenata e velenosa, che potrebbe portarci tutti in cielo in un fungo nucleare’ ha ammonito Issam Makhoul ieri alla Knesset. Makhoul ha fatto la storia quando ha ottenuto il permesso di discutere una proposta sulla politica nucleare di Israele che ha portato al primo dibattito aperto di questo tipo. Proprio quando Makhoul ha cominciato a parlare, membri del Likud, del Partito religioso nazionale, dello Shas e altri hanno scelto di lasciare l’assemblea in segno di protesta. Makhoul ha affermato che Israele è al sesto posto al mondo per quanto riguarda la quantità di plutonio di alta qualità in suo possesso. ‘L’intero mondo sa che Israele è un grande deposito di armi nucleari, biologiche e chimiche, che serve come pietra angolare per la corsa alle armi nucleari in Medio Oriente’ ha accusato Makhoul. Secondo lui, Israele ha `200-300 bombe atomiche’. Membri della Knesset hanno reagito urlando al discorso di Makhoul: `Lei oggi sta commettendo un crimine contro gli arabi israeliani’ ha gridato l’On. Ophir Pinnes, capo della coalizione. `Se qualcuno aveva bisogno di una giustificazione sul perché i membri arabi della Knesset non dovrebbero partecipare alla commissione affari esteri e sicurezza, lei l’ha appena fornita’, ha concluso l’On. Yosef Pritzky (Shinui)».

* Da: Green Left Weekly – Traduzione di Marina Impallomeni

Fonte: http://www.ilmanifesto.it


A proposito di paesi con armi di distruzione di massa…a proposito di sondaggi sui paesi che sono minacce per la pace…mentre il governo sharon concede sistematicamente fondi per ampliare il muro dell’apartheid palestinese, sottraendo sempre più terra al popolo arabo, ecco una breve conferma su uno stato totalmente legittimato a opprimere un altro popolo. L’arsenale nucleare d’Israele che l’Aiea-Onu non ha mai controllato. Bush e i media internazionali nascondono, ipocritamente, che in Medio Oriente c’è già un paese che possiede armi nucleari